top of page

OPERAI ALL'OPERA 

 TURANDOT 2024                

Il 2024 è l'anno di grandi ed interessanti new entry tra gli eventi prodotti, promossi od ospitati da La Città Ideale durante la sua programmazione estiva ed autunnale. A Giugno debutta Operai All'Opera, format indedito ed innovativo prodotto dall'Associazione Culturale E45 e ideato da Fabio Morgan, con riscrittura e direzione musicale del Maestro Francesco Leineri.

Dieci tra attori e cantanti, accompagnati dall’orchestra diretta dal M° Leineri, condurranno il pubblico all’interno della trama e degli snodi musicali dell'Opera in un formato nuovo che permetterà allo spettatore di assistere a questa da un punto di vista inedito: il dietro le quinte. Saranno infatti le maestranze, gli operai del titolo che da sempre animano il retropalco, a diventare lo strumento con cui riportare l’Opera Lirica Italiana, alta ed aulica, ad un contesto popolare così come da tradizione.

L'edizione 2024 porterà in scena l'Opera Turandot di Giacomo Puccini a commemorazione dei cento anni dalla sua scomparsa. La “Turandot” è l’opera più maestosa del Maestro, la sua ultima grande prova datata 1924.

Conosciuta come l’opera senza fine poiché conclusa da Franco Alfano dopo la scomparsa di Puccini a causa di una malattia, è ambientata nella Cina antica e racconta la storia della principessa Turandot, che sfida i suoi pretendenti a risolvere tre enigmi: qualora gli spasimanti non fossero riusciti nell'impresa, avrebbero trovato la morte. L'Opera si conclude con un finale trionfale, in cui l'amore vince sulla morte e sulla crudeltà.
"Turandot" di Giacomo Puccini rappresenta un'innovazione significativa nella drammaturgia musicale dell'Opera Italiana, poiché integra influenze musicali orientali con la tradizione lirica occidentale.

Ensemble E45 - Operai All'Opera Turandot
P1020935 2.jpg
P1020948.jpg
_K4A0507.JPG
P1020873.jpg

@EmipioValloranus

La riscrittura, curata dal M° Francesco Leineri, anche direttore musicale del progetto, mira a fissare le parti centrali della narrazione e della drammaturgia musicale in partitura affinché il pubblico possa entrare con immediatezza all’interno delle sue trame complesse e monumentali. Una dimensione inedita rivolta sia agli appassionati che ad un pubblico meno abituato, per elaborare nuove prospettive e metterne in luce di già note.

 

La nuova stesura vuole rendere l’Opera una tradizione a cui rendere tributo, ma anche da far rivivere ogni giorno, accessibile al pubblico del presente mettendo in risalto ciò che l’ha costituita da sempre una forma d’arte a metà fra la tradizione popolare e il mondo accademico.

Operai all’Opera vuole essere un percorso di celebrazione e promozione della nostra gloriosa Opera lirica Italiana, attraverso un percorso di riscrittura dell’Opera stessa, per renderla popolare e fruibile da tutti, con l’obiettivo di trasformarla in un linguaggio più adatto ad un pubblico popolare e contemporaneo.

CREDITS

La drammaturgia di “Operai all’Opera” è di Fabio Morgan, Emiliano Morana e Matteo Cirillo, la recitazione di Matteo Cirillo, Chiara David, Diego Migeni, Emiliano Morana, Francesca Pausilli, Gioele Rotini, il canto di Rosaria Angotti (soprano), Marika Spadafino, (soprano) e Alexandru Tiba (tenore) e la musica di Nicola Scialdone (oboe), Livia Tancioni (clarinetto), Antonio De Santis (fagotto), Elisa Gerolimetto (tromba), Fabio Cuozzo (percussioni), Lorenzo Olivero (violino), Luicelis Vasquez (viola), Riccardo Viscardi (violoncello), Federico Passaro (contrabbasso).

Partner Stampa: HaveFun4 HF4.

Produzione: Ass. Cult. E45

bottom of page